Le News di Badolato Le Foto di Badolato I Video di Badolato La Musica di Badolato I Libri di Badolato
Gil Botulino
Gil Botulino la piazza di Badolato
The German Observer
dal 2001
Home Iscrizione Newsletter Pagine Gialle S UNO TV NEWS RAI3 CALABRIA Sondaggi Meteo Appuntamenti
real money slots sign up bonus no download slots casinos usa online casinos newest online casino games I've ranked the best mastercard casinos in the world, here is my site - www.reliabledeposits.org. Review it pls) RTG Brands accepts players worldwide to play any collection of their rtg online casino games. Good Luck! Millions of people have won huge jackpots at www.realmoneyslots247.org. Making money at "real money slots 24/7" is as easy as pie! Get the best selection of casino slot machines at http://www.bestonlinecasinos777.org/. 100 Bonus Spins + 15 Newest slots Wow!!!! - My favorite online casinos for real money - Must see!!

Presentato “Il cancello delle buganvillee”

Pietro Cossari Venerdì 19 Agosto 2011 @ 13:02 Condividi su facebook

Casinos With Deal Or No Deal That Accept Canadians

di Pietro Cossari

Nel ventesimo anniversario della fondazione dell’associazione culturale “La Radice” è stato presentato presso il Centro Polifunzionale di Badolato Marina il libro “Il cancello delle buganvillee” della pedagogista Vittoria Leuzzi, badolatese trapiantata in Toscana.
    Ha coordinato i lavori Pasquale Rudi, ispettore della Croce Rossa e primo presidente de “La Radice”.      
     In tale veste, Rudi ha ricordato i vent’anni di attività dell’associazione caratterizzati da importanti eventi culturali e sociali che nonostante le difficoltà, hanno permesso di raggiungere ottimi risultati ed ha esortato i presenti a leggere in profondità il libro per capire molte cose di Badolato.
    Il vice sindaco Vincenzo Piperissa, a nome dell’amministrazione comunale si è detto orgoglioso di presenziare alla presentazione di un’opera letteraria “che induce a riflettere sul proprio passato stimolando la mente e ravvivando lo spirito!”
    Effettivamente, il libro della Leuzzi tocca in maniera profonda l’anima del lettore, sin dalle prime pagine, addirittura dal titolo. Il cancello è infatti, una metafora, il simbolo della divisione tra i ricchi e i poveri, l’ostacolo principale alla soppressione dei pregiudizi. È un viaggio a ritroso nel tempo che la protagonista Caterina compie dopo aver fatto un sogno che la riporta idealmente nel luogo natio in cui sono cristallizzati la dolcezza, la nostalgia, le gioie, i dolori e le passioni politiche e religiose dei suoi avi e dell’intera comunità badolatese. 
    “È un romanzo psicologico che mancava nella storia della letteratura badolatese – ha spiegato Vincenzo Squillacioti, direttore del giornale trimestrale “La Radice” nell’insolito ruolo di relatore chiamato a sostituire all’ultimo minuto, lo scrittore Domenico Gangemi per sopraggiunti problemi di salute – e  che narra le sofferenze di una famiglia. È un libro amaro, complesso e difficile da digerire perché fondato sull’emarginazione rappresentata dal cancello per tratteggiare i limiti, i paletti, le classi sociali e le proibizioni dovute a motivazioni storiche, culturali, sociali ed etniche. Caterina è la protagonista di una saga familiare dove Badolato è presente sin dalla prima pagina nel matrimonio dei nonni, nella quotidiana fatica dei campi, nel dramma dell’emigrazione (per chi parte e per chi resta) verso le Americhe, nello stupro di Anna, zia di Caterina, subito a tredici anni e taciuto per vergogna, nel nonno egoista, nella nonna ciuca di lavoro e nel papà che emigrato in Svizzera, cade improvvisamente in depressione. È un libro questo della signora Leuzzi, quarantatreesima scrittrice badolatese – ha chiosato Squillacioti – che lancia un messaggio di reazione, di superamento, per ottenere alla fine, qualche vittoria sull’ignoranza e sulla cattiveria!”
     Molto emozionata, l’autrice ha poi puntualizzato: “Ho scritto il libro per diffondere il sentimento della tolleranza. L’apertura della mente verso un nuovo modo di vedere, più flessibile servendosi della comprensione. Ogni persona viene forgiata dalla vita e dagli eventi che ha vissuto. Il libro è un messaggio di superamento della diversità intesa come appartenenza e vissuta come sofferenza dal depresso, dal pazzo o dall’ubriaco. Dietro ad ogni persona e quindi, dietro ad ogni popolo, c’è un vissuto dove il male viene confuso con il bene e viceversa e dove il passato degli avi serve per comprendere il proprio tempo!”
   Un passato rievocato nelle struggenti poesie inserite nel libro e stupendamente declamate dalla signora Nadia e diventato da ieri sera, straordinario patrimonio culturale dei badolatesi.

    Gil Botulino è il gazzettino badolatese di libera informazione, che vanta zero tentativi di imitazione. Foto, Video, Musica, Libri, Appuntamenti, Promozione, Newsletter. Tutto gratis. Puoi supportarlo, offrendo una birra al prezzo di 5 Euro. Puoi offrire quante birre ti pare sul nostro conto PayPal.

    Clicca sul bottone

Comments RSS

Lascia un Commento

Devi fare il login per lasciare un commento.