Le News di Badolato Le Foto di Badolato I Video di Badolato La Musica di Badolato I Libri di Badolato
Gil Botulino
Gil Botulino la piazza di Badolato
The German Observer
dal 2001
Home Iscrizione Newsletter Pagine Gialle S UNO TV NEWS RAI3 CALABRIA Sondaggi Meteo Appuntamenti

Presentato “Il cancello delle buganvillee”

Pietro Cossari Venerdì 19 Agosto 2011 @ 13:02 Condividi su facebook

di Pietro Cossari

Nel ventesimo anniversario della fondazione dell’associazione culturale “La Radice” è stato presentato presso il Centro Polifunzionale di Badolato Marina il libro “Il cancello delle buganvillee” della pedagogista Vittoria Leuzzi, badolatese trapiantata in Toscana.
    Ha coordinato i lavori Pasquale Rudi, ispettore della Croce Rossa e primo presidente de “La Radice”.      
     In tale veste, Rudi ha ricordato i vent’anni di attività dell’associazione caratterizzati da importanti eventi culturali e sociali che nonostante le difficoltà, hanno permesso di raggiungere ottimi risultati ed ha esortato i presenti a leggere in profondità il libro per capire molte cose di Badolato.
    Il vice sindaco Vincenzo Piperissa, a nome dell’amministrazione comunale si è detto orgoglioso di presenziare alla presentazione di un’opera letteraria “che induce a riflettere sul proprio passato stimolando la mente e ravvivando lo spirito!”
    Effettivamente, il libro della Leuzzi tocca in maniera profonda l’anima del lettore, sin dalle prime pagine, addirittura dal titolo. Il cancello è infatti, una metafora, il simbolo della divisione tra i ricchi e i poveri, l’ostacolo principale alla soppressione dei pregiudizi. È un viaggio a ritroso nel tempo che la protagonista Caterina compie dopo aver fatto un sogno che la riporta idealmente nel luogo natio in cui sono cristallizzati la dolcezza, la nostalgia, le gioie, i dolori e le passioni politiche e religiose dei suoi avi e dell’intera comunità badolatese. 
    “È un romanzo psicologico che mancava nella storia della letteratura badolatese – ha spiegato Vincenzo Squillacioti, direttore del giornale trimestrale “La Radice” nell’insolito ruolo di relatore chiamato a sostituire all’ultimo minuto, lo scrittore Domenico Gangemi per sopraggiunti problemi di salute – e  che narra le sofferenze di una famiglia. È un libro amaro, complesso e difficile da digerire perché fondato sull’emarginazione rappresentata dal cancello per tratteggiare i limiti, i paletti, le classi sociali e le proibizioni dovute a motivazioni storiche, culturali, sociali ed etniche. Caterina è la protagonista di una saga familiare dove Badolato è presente sin dalla prima pagina nel matrimonio dei nonni, nella quotidiana fatica dei campi, nel dramma dell’emigrazione (per chi parte e per chi resta) verso le Americhe, nello stupro di Anna, zia di Caterina, subito a tredici anni e taciuto per vergogna, nel nonno egoista, nella nonna ciuca di lavoro e nel papà che emigrato in Svizzera, cade improvvisamente in depressione. È un libro questo della signora Leuzzi, quarantatreesima scrittrice badolatese – ha chiosato Squillacioti – che lancia un messaggio di reazione, di superamento, per ottenere alla fine, qualche vittoria sull’ignoranza e sulla cattiveria!”
     Molto emozionata, l’autrice ha poi puntualizzato: “Ho scritto il libro per diffondere il sentimento della tolleranza. L’apertura della mente verso un nuovo modo di vedere, più flessibile servendosi della comprensione. Ogni persona viene forgiata dalla vita e dagli eventi che ha vissuto. Il libro è un messaggio di superamento della diversità intesa come appartenenza e vissuta come sofferenza dal depresso, dal pazzo o dall’ubriaco. Dietro ad ogni persona e quindi, dietro ad ogni popolo, c’è un vissuto dove il male viene confuso con il bene e viceversa e dove il passato degli avi serve per comprendere il proprio tempo!”
   Un passato rievocato nelle struggenti poesie inserite nel libro e stupendamente declamate dalla signora Nadia e diventato da ieri sera, straordinario patrimonio culturale dei badolatesi.

    Gil Botulino è il gazzettino badolatese di libera informazione, che vanta zero tentativi di imitazione. Foto, Video, Musica, Libri, Appuntamenti, Promozione, Newsletter. Tutto gratis. Puoi supportarlo, offrendo una birra al prezzo di 5 Euro. Puoi offrire quante birre ti pare sul nostro conto PayPal.

    Clicca sul bottone

Comments RSS

Lascia un Commento

Devi fare il login per lasciare un commento.