Le News di Badolato Le Foto di Badolato I Video di Badolato La Musica di Badolato I Libri di Badolato
Gil Botulino
Gil Botulino la piazza di Badolato
The German Observer
dal 2001
Home Iscrizione Newsletter Pagine Gialle S UNO TV NEWS RAI3 CALABRIA Sondaggi Meteo Appuntamenti
real money slots sign up bonus no download slots casinos usa online casinos newest online casino games Millions of people have won huge jackpots at www.realmoneyslots247.org. Making money at "real money slots 24/7" is as easy as pie! Get the best selection of casino slot machines at http://www.bestonlinecasinos777.org/. 100 Bonus Spins + 15 Newest slots Wow!!!! - My favorite online casinos for real money - Must see!!

Il torrente Barone è insabbiato

Pietro Cossari Martedì 26 Luglio 2011 @ 01:00 Condividi su facebook

Ernesto Menniti di IDV:“Si intervenga per evitare una tragedia”.

di Pietro Cossari

“Noi calabresi soffriamo di una grave malattia congenita ovvero, ci lamentiamo sempre delle disgrazie che ci piovono addosso e ce la prendiamo col fato avverso a disastri avvenuti, ma quando si tratta di aprire gli occhi e di rimboccarci le maniche e intervenire per tempo dove la manutenzione ordinaria potrebbe evitare i disagi nei quali quotidianamente ci dibattiamo, allora siamo tutti sordi, ciechi e distratti dagli eventi mondani invece di assumerci ognuno le nostre responsabilità. Badolato è un paese che va verso la deriva. Un profondo degrado morale, sociale ed economico lo sta sommergendo e il guaio è che gli amministratori comunali non se ne accorgono!”     
Non usa mezzi termini Ernesto Maria Menniti, consigliere comunale di Italia dei Valori per denunciare quello che egli definisce i gravi mali della politica locale: “il menefreghismo e l’assenteismo irresponsabile della giunta Parretta”.
“Più volte – puntualizza – come consigliere comunale d’opposizione ho segnalato le numerose inadempienze degli attuali amministratori che danno l’impressione di vivere su un altro pianeta disinteressandosi dei reali problemi della cittadinanza: strade inagibili, marciapiedi dissestati, fogne a cielo aperto che rendono l’aria irrespirabile e favoriscono in diversi quartieri di Badolato Marina, la colonizzazione di ratti e scarafaggi che insieme al solito mare inquinato, minacciano la salute pubblica. Le piante, e in particolare gli eucalipti – spiega Menniti – ne stanno forse già risentendo giacché sono quasi tutti colpiti da una malattia simile alla rogna che rischia di ucciderli. E dulcis in fundo, gli alvei delle fiumare sono pieni di sabbia, cosa che comporta un enorme pericolo per gli abitanti recentemente colpiti dalle alluvioni. Cosa si aspetta a ripulire i letti dei torrenti dalla sabbia? L’intero Nord Europa e il Settentrione d’Italia sono flagellati dal maltempo e dallo straripamento dei fiumi e se da un momento all’altro, come sfortunatamente a nostre spese abbiamo sperimentato, si verificassero anche qui analoghi avvenimenti atmosferici, cosa accadrebbe? Non sarebbe buon senso intervenire per tempo ripulendo i corsi d’acqua, i tombini e le grate degli scoli? Purtroppo, a tutt’oggi non si sta muovendo una foglia. L’anno scorso, i cittadini residenti nella zona del Tiratore, a causa dell’improvvisa piena del torrente Barone sono rimasti isolati e in seguito a quell’accadimento, il consiglio comunale ha deliberato la costruzione di un ponte che a quanto pare, visti i tempi burocratici, si realizzerà in pieno inverno. Quindi, – conclude il consigliere di Italia dei Valori – non per vestire i panni di Cassandra, ma per evitare una possibile tragedia, non sarebbe meglio togliere la gran quantità di sabbia che si sta ammonticchiando sotto i ponti della Strada Statale 106 e della ferrovia e che costringe i bagnanti ad abbassarsi per passare?”

       

    Gil Botulino è il gazzettino badolatese di libera informazione, che vanta zero tentativi di imitazione. Foto, Video, Musica, Libri, Appuntamenti, Promozione, Newsletter. Tutto gratis. Puoi supportarlo, offrendo una birra al prezzo di 5 Euro. Puoi offrire quante birre ti pare sul nostro conto PayPal.

    Clicca sul bottone

Comments RSS

Lascia un Commento

Devi fare il login per lasciare un commento.