Le News di Badolato Le Foto di Badolato I Video di Badolato La Musica di Badolato I Libri di Badolato
Gil Botulino
Gil Botulino la piazza di Badolato
The German Observer
dal 2001
Home Iscrizione Newsletter Pagine Gialle S UNO TV NEWS RAI3 CALABRIA Sondaggi Meteo Appuntamenti
http://www.slotsforrealmoney.us.com/ new slots http://www.toponlinecasinos.us.com las vegas casino slot machines Legal USA blackjack sites for real money online casino play bonus code www.onlinegambling.us.com flash casinos for us players real money slots sign up bonus no download slots casinos usa online casinos newest online casino games I've ranked the best mastercard casinos in the world, here is my site - www.reliabledeposits.org. Review it pls) RTG Brands accepts players worldwide to play any collection of their rtg online casino games. Good Luck! Millions of people have won huge jackpots at www.realmoneyslots247.org. Making money at "real money slots 24/7" is as easy as pie! Get the best selection of casino slot machines at http://www.bestonlinecasinos777.org/. 100 Bonus Spins + 15 Newest slots Wow!!!! - My favorite online casinos for real money - Must see!!

Un’assemblea per riaffermare i diritti di cittadinanza

Pietro Cossari Lunedì 19 Luglio 2010 @ 19:50 Condividi su facebook

All’interno il testo delle due petizioni popolari riguardanti i problemi della Delegazione comunale, del sottopasso ferroviario e della passerella ferroviaria.

di Pietro Cossari

Nonostante il gran caldo, l’assemblea di domenica scorsa, organizzata dal locale circolo del Partito Democratico presso il Centro Sociale, è stata partecipata e produttiva. Rischio chiusura Delegazione Comunale in Marina, Sottopasso ferroviario pericoloso e senza passerella pedonale, mare sporco, problemi igienico sanitari irrisolti per giorni, servizi inesistenti, Uffici comunali nel caos, Amministrazione allo sbando e assente. Il paese ridotto al silenzio. Sono state queste le questioni poste con meticolosità dal segretario Nicola Criniti all’attenzione della cittadinanza, la quale, preoccupata di quanto sta accadendo, è in gran parte intervenuta nella discussione per sollecitare incisive iniziative presso gli enti competenti.    
     Nella sua introduzione, Nicola Criniti ha attaccato l’amministrazione comunale accusandola di latitanza di fronte ai reali problemi che assillano i badolatesi. “A Badolato non si sta più discutendo di politica – ha esordito il segretario del PD – e prediligendo le futilità, è stato inferto un colpo mortale alla nostra economia. Il mare – ha proseguito - in questi giorni è stato una porcheria per via degli scarichi abusivi e in parecchie zone della Marina si sente un’incessante puzza di fogna. Non si può certo dire che qui si viva di mare e turismo. Gli amministratori giustificano la loro inoperosità con la mancanza di soldi. Ma come? – ha ironizzato Criniti – Si spendono centomila euro per una sala consiliare che si usa una volta al mese e si assumono 4–5 persone nell’ufficio del sindaco ch’è ormai diventato un ufficio di collocamento e non si trovano i fondi per intervenire su una fogna?”
      L’esposizione del segretario democratico è poi continuata evidenziando l’assurdo agire di un’amministrazione comunale capace di emanare tramite il ragioniere capo, il provvedimento senza senso del 30 giugno scorso, mediante il quale è stato redatto un ordine di servizio che (secondo Criniti) depotenziando di fatto gli uffici della Delegazione Municipale, rischia di farla chiudere creando così in piena estate, quando rientrano studenti ed emigrati, notevoli problemi ai 3.000 residenti.
     “Tale decisione – ha precisato Criniti – oltre ad essere ingiusta perché lede gli elementari diritti di cittadinanza e gli interessi collettivi, è anche sbagliata perché è stata presa senza consultare i cittadini. Come d’altronde è stato sbagliato non far costruire a Trenitalia la prevista passerella là dove adesso c’è il passaggio a livello chiuso mettendo in difficoltà le persone in maggioranza anziane, che abitano in quella zona!”
     In proposito, Criniti ha concluso sottolineando le anomalie del sottopasso ferroviario inaugurato meno di due mesi fa: intonaco cadente, altezza inadeguata, curva pericolosa e segnaletica inesistente.
    Subito dopo, sono intervenuti numerosi cittadini per manifestare le proprie preoccupazioni e per protestare per la mancata fermata dei treni a Badolato.
    Lo studente universitario Vincenzo Gallelli è stato fortemente critico nei confronti del sindaco assente da Badolato perché vive ed opera a Roma lasciando così senza guida e stimolo la giunta.
    Ernesto Menniti, l’unico consigliere comunale presente all’assemblea, ha dichiarato: “Via Pisani e via Spasari sono al buio, mentre si illuminano le porcilaie. Quest’amministrazione assume senza pudore consiglieri comunali  che si dimettono il giorno prima. Il mare non è balneabile e ci sono bambini che quotidianamente vi contraggono infezioni. Quest’amministrazione – ha ribadito – sta distruggendo il tessuto sociale di Badolato perché in un periodo di grave crisi economica qual è quello che stiamo attraversando, pensa solo a fare feste con fogne rotte, illuminazione scarsa e mare inquinato!”
     Infine, l’adunanza si è conclusa con la decisione di sottoscrivere delle petizioni per la costruzione della passerella e contro la chiusura della Delegazione Municipale.

PETIZIONE POPOLARE
PER LA COSTRUZIONE DELLA PASSERELLA PEDONALE IN ZONA VIA MARE DI BADOLATO MARINA E PER INTERVENTI DI MAGGIORE SICUREZZA SULL’ATTUALE SOTTOPASSO FERROVIARIO

Il sottopasso ferroviario di Badolato è stato inaugurato nel giugno 2010. L’opera da un lato presenta elementi di pericolosità (per auto e pedoni), problematiche strutturali ben visibili già a poche settimane dall’inaugurazione e scarsa funzionalità; da un altro non ha portato alla contemporanea costruzione della passerella pedonale (prevista nel progetto originario) che avrebbe dovuto servire la zona (Via Mare, Via Garibaldi, Via Mazzini e aree adiacenti) su cui insisteva il precedente passaggio a livello. Oggi il passaggio a livello è chiuso e l’accesso all’area Lungomare per tutta questa zona è sostanzialmente impedito, costringendo la popolazione ivi residente (spesso anziana e con difficoltà di deambulazione) a fare un giro decisamente più ampio e pericoloso.  

I sottoscrittori con la presente petizione

CHIEDONO

CHE l’Amministrazione Comunale si adoperi (facendo ricorso a strumenti finanziari quali risorse interne, finanziamenti o mutui) per costruire una passerella pedonale, anche in posizione leggermente diversa rispetto a quello originariamente prevista, venendo incontro alle richieste e ai disagi che la popolazione interessata sta registrando.
CHE l’Amministrazione Comunale ponga in essere tutte le iniziative per mettere in maggiore sicurezza l’attuale sottopasso.

PETIZIONE POPOLARE
PER IL MANTENIMENTO DELLE PRESTAZIONI DEL SERVIZIO STATO CIVILE E ANAGRAFE PRESSO LA DELEGAZIONE MUNICIPALE DI BADOLATO MARINA E PER LA SALVAGUARDIA DELLA DELEGAZIONE COMUNALE CONTRO IL RISCHIO CHIUSURA

Con un “ordine di servizio” del 30 giugno 2010 le autorità comunali preposte hanno deciso un significativo depotenziamento del servizio Stato Civile e Anagrafe trasferendo a giorni alterni parte del personale che lavora in Delegazione a Badolato Superiore.
VISTO che Badolato Superiore manterrà la sua centralità amministrativa e il servizio anagrafe stato civile lì è stato sempre coperto in maniera idonea.
VISTA l’importanza di un ufficio che produce certificati al pubblico in una realtà (Badolato Marina) di circa 3.000 abitanti.
VISTO che, in base al predetto “ordine di servizio”, in alcuni giorni il funzionamento dell’ufficio avrà un orario ridotto con servizi al pubblico quasi azzerati.
VISTO l’arrivo della stagione estiva che determinerà forti problemi di funzionamento dell’ufficio per il prevedibile incremento di servizi al pubblico.
VISTO che il provvedimento appare grave, improvviso e completamente immotivato tanto da lasciar ritenere che il destino stesso della Delegazione di Badolato Marina sia a rischio chiusura (mentre in realtà potrebbe essere semmai potenziato).

I sottoscrittori con la presente petizione

CHIEDONO

CHE le Autorità preposte revochino “l’ordine di servizio” che sposta a giorni alterni i dipendenti della Delegazione verso il capoluogo di Badolato Superiore e che vengano mantenuti gli stessi standard di servizi al pubblico finora offerti, soprattutto in considerazione dell’arrivo della stagione turistica e dei probabili disagi che ne potrebbero scaturire.
CHE — fatta salva la centralità amministrativa di Badolato Superiore e dei suoi uffici — la sorte della Delegazione comunale non venga in alcun modo interessata da provvedimenti che ne possano portare alla chiusura, penalizzando gravemente il territorio e la comunità della frazione marina.

IL SERVIZIO DI SALVATORE COSSARI PER S1TV

    Gil Botulino è il gazzettino badolatese di libera informazione, che vanta zero tentativi di imitazione. Foto, Video, Musica, Libri, Appuntamenti, Promozione, Newsletter. Tutto gratis. Puoi supportarlo, offrendo una birra al prezzo di 5 Euro. Puoi offrire quante birre ti pare sul nostro conto PayPal.

    Clicca sul bottone

2 commenti a “Un’assemblea per riaffermare i diritti di cittadinanza”

  1. Nicola Criniti segretario PD Badolatoil 20 Lug 2010 alle 00:20

    L’articolo di Pietro Cossari è corretto, preciso soltanto che non è stato il ragioniere capo a firmare l’ordine di servizio del 30 giugno che sposta a giorni alterni gli impiegati dalla Marina al Paese, ma il responsabile dell’area amministrativa.

    Oggi, come ricordava l’articolo, sono partite le raccolte firme su due petizioni popolari:
    una riguardante la costruzione della passerella pedonale in zona via mare e i provvedimenti di maggiore sicurezza per il sottopasso ferroviario, la cui pericolosità e scarsa funzionalità appaiono piuttosto evidenti;
    l’altra per il ripristino della piena funzionalità dell’ufficio stato civile e anagrafe della Marina e per richiedere in maniera netta che la sorte della Delegazione non preveda (mai) alcun rischio chiusura.

    A breve pubblicheremo on line il testo delle due petizioni per la cui firma i cittadini potranno recarsi presso la nostra sezione in via Nazionale (o anche presso i negozi di Anna Guido e Giusy Gerace). Alcuni di noi saranno comunque in giro “case case” a spiegare e chiedere la firma dei concittadini. Le petizioni non riportano nè simboli di partito nè altro, non fanno attacchi a nessuno, chiunque può richiederle e farsene promotore raccogliendo firme tra amici o parenti. Non è la battaglia di un singolo partito ma una questione di sana partecipazione cittadina a scelte che appaiono penalizzanti per Badolato.
    E’ chiaro che più persone firmeranno più sarà possibile fare breccia presso chi di competenza, ovviando (si spera) ai problemi denunciati in questi giorni.

    Nicola Criniti, segretario PD Badolato

  2. nerina valeriail 21 Lug 2010 alle 01:28

    Carissimi,
    quando ho letto l’articolo di Pietro Cossari, in merito al firmatario dell’ordine di servizio, pensavo si fosse appalesato in via definitiva chi da gli ordini al Comune di Badolato. Meno male che è venuta perentoria la precisazione del Segretario a far luce sulla vicenda. Tutto a posto. Tutto come prima.
    Pace e bene

Comments RSS

Lascia un Commento

Devi fare il login per lasciare un commento.