Le News di Badolato Le Foto di Badolato I Video di Badolato La Musica di Badolato I Libri di Badolato
Gil Botulino
Gil Botulino la piazza di Badolato
The German Observer
dal 2001
Home Iscrizione Newsletter Pagine Gialle S UNO TV NEWS RAI3 CALABRIA Sondaggi Meteo Appuntamenti
http://www.slotsforrealmoney.us.com/ new slots http://www.toponlinecasinos.us.com las vegas casino slot machines Legal USA blackjack sites for real money online casino play bonus code www.onlinegambling.us.com flash casinos for us players real money slots sign up bonus no download slots casinos usa online casinos newest online casino games I've ranked the best mastercard casinos in the world, here is my site - www.reliabledeposits.org. Review it pls) RTG Brands accepts players worldwide to play any collection of their rtg online casino games. Good Luck! Millions of people have won huge jackpots at www.realmoneyslots247.org. Making money at "real money slots 24/7" is as easy as pie! Get the best selection of casino slot machines at http://www.bestonlinecasinos777.org/. 100 Bonus Spins + 15 Newest slots Wow!!!! - My favorite online casinos for real money - Must see!!

Archivio della Categoria 'vecchiume'

Gemellaggio Badolato Wetzikon 1982-1987

corrispondenze Venerdì 3 Dicembre 2010 @ 22:13 Condividi su facebook

di Domenico Lanciano

Vi unisco l’articolo scritto da Franco Laganà e pubblicato da “Il Domani della Calabria” di domenica 6 gennaio 2002 a pagina 17 con il titolo “Badolato, dopo la vendita il gemellaggio” che ripercorre i primi tentativi fatti dal sottoscritto per realizzare il gemellaggio tra Badolato e Wetzikon già nel 1982 e poi nel 1987.      Continua »

I badolatesi schedati dall’Ovra fascista

Gil Domenica 24 Ottobre 2010 @ 17:35 Condividi su facebook

Il partito fascista raggiunse il potere nel 1922, si costituì in dittatura nel 1925, cadde nel 1943. Durante il fascismo, dal suo servizio segreto, l’Ovra, tante persone furono schedate: tutta una indeterminata categoria di persone, definita genericamente antifascista.
   Sotto avete l’elenco dei badolatesi schedati come oppositori politici, che compaiono nel Casellario politico centrale di pubblica sicurezza. Oltre al cognome e al nome, vi riporto la data di nascita, il mestiere, il colore politico, il luogo di residenza e il periodo in cui fu tenuto sotto controllo.     Continua »

La memorabile festa dell’emigrante

Pietro Cossari Sabato 14 Agosto 2010 @ 14:54 Condividi su facebook

Si tenne a Badolato Marina, l’11 e il 12 agosto 1973

di Pietro Cossari

cronaca-vera-ottobre-1973Il dirigente e teorico comunista Domenico Corea, commentando in sezione, durante i preparativi dei funerali, la prematura scomparsa di Pasquale Caporale “Jaci” (avvenuta il 4 giugno 1979 a causa d’un incidente stradale mentre con i familiari tornava in Svizzera dopo aver votato alle Politiche), suggerì a Giuseppe Nicola Parretta, allora sindaco e segretario del P.C.I. di Badolato, di far scrivere sulla lapide del compagno Caporale: “Vittima dell’emigrazione, la più grande ingiustizia sociale”.     
   Parole esatte, pronunciate da una persona saggia che in tal modo, intendeva palesare la costante prevaricazione capitalista sulle masse lavoratrici, spinte dai ceti dominanti a lasciare i luoghi d’origine per alleviare la conflittualità sociale e per ottenere con le rimesse degli emigranti, un sicuro miglioramento economico.     Continua »

Caccia alla volpe simulata

Gil Venerdì 6 Novembre 2009 @ 14:47 Condividi su facebook

Un suggestivo show a cavallo in Badolato tra nobiltà e tradizione. Intervista allo storico-filologo Professor Antonio Gesualdo. Evoluzione d’un’antica disciplina in un contesto di storia e cultura.

Abbiamo incontrato, nella sua Biblioteca, lo storico-filologo Professor Antonio Gesualdo, dopo la presentazione della nuova Rivista, che dirige a servigio di tutti, e gli abbiamo formulato tre domande, per avere notizie anche sull’equitazione classica e sul recente spettacolo.

Che cosa è il “Club calabrese per la caccia alla volpe simulata”?
“Invero è, unica in Calabria, una Associazione equestre-nobiliare, con sede nella splendida, ottocentesca Villa Pietranera, ed è guidata dal giovane Barone Don Ettore Gallelli Benso, Cavaliere Costantiniano, che organizza il nobile diporto, tanto utile alla vigorìa del corpo, degli esercizî di equitazione, già tenuto in grande onore a Badolato. Continua »

Un viaggio nella memoria collettiva comunista

Pietro Cossari Lunedì 26 Ottobre 2009 @ 22:00 Condividi su facebook

Ricordato Antonio Larocca, storico dirigente comunista e sindaco di Badolato

di  Pietro Cossari

Antonio LaroccaAlla presenza di numerosi sindaci del comprensorio, del vecchio parlamentare del P.C.I., Costantino Fittante e del consigliere regionale Egidio Chiarella, si è svolto a Badolato Marina, presso l’aula magna dell’istituto comprensivo “Tommaso Campanella”, l’incontro dibattito moderato da Franco Nisticò: “Il futuro attraverso la memoria. Ricordando Antonio Larocca”.
Un folto pubblico ha ascoltato con attenzione l’introduzione di Nisticò e gli interventi dei relatori che hanno ampiamente tratteggiato la figura del compianto sindaco e dirigente comunista.     Continua »

Storia dello Stemma comunale di Badolato

Antonio Gesualdo Domenica 26 Aprile 2009 @ 23:00 Condividi su facebook

STORIA PARTICOLAREGGIATA DEL PRIMITIVO STEMMA COMUNALE DI BADOLATO

di ANTONIO GESUALDO

     Si trae dal Ciarlanti che, con l’occasione della francesizzazione e nobilitazione, che segnarono un avvio di grande importanza nel governo della “bella Monarchia” angioina, Badolato ottenne, pei suoi sentimenti antisvevi, il primitivo stemma comunale, che figura in un avanzo, nell’Archivio della Zecca, del registro intitolato: Liber donationum anni 1269. Lo stemma venne disegnato, a penna con inchiostro marrone dato ad acquarello (mm 190×235), da Roberto di Bari, di propria mano. Continua »

Elzeviro sul racconto del terremoto del 1640

Antonio Gesualdo Giovedì 19 Marzo 2009 @ 21:09 Condividi su facebook

UN ELZEVIRO GESUALDIANO SUL RACCONTO DEL TERREMOTO DEL 1640 IN BADOLATO FATTO DAL GESUITA AGAZIO DI SOMMA DI CATANZARO

di ANTONIO GESUALDO

     Per la verità, il Padre Gesuita Giulio Cesare Recupito, il Consigliere Ettore Capece, Lucio d’Orsi, nei loro “Terremoti delle due Calabrie”, descrissero l’orrorosa tragedia di Badolato, distendendosi a riferire le narrazioni più volgari ed inèdite, e spesso frammischiandovi fatti e osservazioni, o falsi o alieni dal loro oggetto. Il Gesuita Agazio di Somma, nato a Catanzaro (non in Sìmari), secondo Tommaso Aceti (Cosenza 1687-1740), Vincenzo Amato, l’Allacci, il Barbosa e il Toppi, mantenne nella sua scrittura un’aria di verità; né certi vizî di locuzione, derivati, segnatamente, dagli scrittori del Seicento, potranno mai far perdere all’”historico racconto” dello spaventoso sisma del 1640 in Badolato, ben noto all’egregio Direttore dell’utilissimo giornale telematico “Gil Botulino”, quel grado di pregio ove brillano tuttora accuratezza e semplicità, e scene di singolare rilievo.      Continua »

Terremoto, a Vadulato più di trecento morti

Gil Martedì 17 Marzo 2009 @ 00:00 Condividi su facebook

di Agazio di Somma

copertinaIl nostro Antonio Gesualdo, nella sua “Storia di Badolato (medioevale e moderna)” al capitolo VII, elenca ben 55 terremoti in Calabria, di cui 21 hanno interessato il nostro paese. Nell’elenco non viene fatta menzione del terremoto più terribile, che si abbattè esclusivamente su Badolato nell’anno 1640, di cui un nostro trisavolo ha dato puntuale notizia, a suo tempo, e che oggi mi è venuta in punta di mouse.

Nel giorno decimonono di Giugno sù l’imbiancarsi dell’Alba, precedendo impetuoso per l’aria, come un groppo di venti crollò fieramente la terra e scosse, in ruine miserabili Vadulato.
    Era quella Terra, ancor che volta alle marine dell’Oriente, alla piaggia d’una montagna, che l’agevolò la caduta e il precipitio.      Continua »

Calabria mia di Antonio Paparo

Gil Domenica 22 Febbraio 2009 @ 01:12 Condividi su facebook

Calabria mia di Antonio PaparoAi naviganti di gilbotulino il nome di Antonio Paparo non suonerà del tutto nuovo.
   Del suo libro di poesie “Calabria mia” avete già letto Sant’Andria protetturi .
   E se siete antichi lettori de “La Radice” non vi sarà sfuggita (si trova nel n.2 del periodico) la poesia che dà il titolo alla raccolta.
   Nella sezione libri di gilbotulino c’è da tempo l’indice del libro.
   Da oggi, chjanu-chjanu, ci metteremo anche le poesie.
   Il libro è stato stampato il 10 gennaio 1962. Di seguito qualche frase della prefazione di Filippo Fichera. 
   Un assai vivace e fervido ingegno è venuto a far parte della nostra Accademia: il dott. Antonio Paparo, giovane medico e giovane poeta, che scrive in Lingua e in dialetto.
   Se il dovere professionale lo trattiene nella “santa Ciociaria”, la risacca marina della natia Badolato e il murmure del torrente Buda gli sono nel sangue che lo percorre, nei tipici lineamenti inconfondibili, e nel respiro.
   “Ho raccolto in fondo al cuore gli alberi e i monti e le croci del mio paese, come l’esule che sotterra le cose dilette più caramente, sperando esumarle al ritorno”.

Inaugurazione della statua dell’arciprete Peronace

Gil Mercoledì 28 Gennaio 2009 @ 11:05 Condividi su facebook

Sabato 7 febbraio alle ote 10 e 30 al santuario della Sanità

ComunicazioneSi comunica che, sabato 07 febbraio 2009, alle ore 10.30, nel luogo del Santuario basiliano di Maria Santissima della Sanità, subito dopo la Santa Messa, celebrata da Sua Eccellenza l’Arcivescovo ANTONIO CILIBERTI, avverrà la inaugurazione del busto in marmo, raffigurante l’Arciprete Don Antonio Peronace, lavorato dall’artista Giovanni Verdiglione.     Continua »

Successivo »